Documento per candidati alle politiche 2013, aggiornamento

Come promesso ecco il primo aggiornamento sul documento per i i candidati.

Giovedì 25 gennaio VV ha ricevuto una mail di richiesta di incontro da parte dei candidati dell’Alleanza Autonomista Democratica Progressista.

Abbiamo incontrato Patrizia Morelli e Jean Pierre Guichardaz oggi, martedì 29 gennaio e i candidati, dopo un ampio confronto sui contenuti hanno firmato il documento impegnandosi a farne parte integrante del proprio programma se verranno eletti.

Abbiamo avuto altre richieste di incontro, al momento solo in via informale.

 

 

20130129-233931.jpg

Rinfreschiamoci la memoria

Di seguito ripubblichiamo la lettera del 18 giugno mandata dal Pres della Giunta e dall’Assessore all’Ambiente al Ministro Clini. E’ bene che non ce lo dimentichiamo. L’impugnativa arriva da qui, da quella frase “sicuramente non le sfuggiranno le ripercussioni….”

Non c’è in ballo solo l’Autonomia (anche se l’impugnativa le dà una bella mazzata se la Regione non resiste), ma la stessa democrazia partecipata.

Il Governo Nazionale ha la facoltà di abbandonare l’impugnativa.

Ed ecco il commento del Comitato del Si
Pubblicato in post

Domande e… Risposte (?)

Al consiglio Regionale odierno sono state poste le seguenti domande:

interrogazione a risposta immediata UVP – Adozione di misure a seguito dell’impugnativa da parte del CdM della legge regionale sullo smaltimento dei rifiuti.

interrogazione a risposta immediata ALPE – Eventuale costituzione in giudizio della Regione in relazione all’impugnativa della legge regionale sulla gestione dei rifiuti di fronte alla Corte Costituzionale.

La risposta:

Al momento attuale, per quanto riguarda l’impugnativa da parte del Consiglio dei Ministri della legge regionale 33 del 2012 abbiamo il comunicato stampa relativo alla riunione del Consiglio dei Ministri del 18 gennaio scorso e quanto pubblicato sulla banca dati delle leggi regionali del Ministero degli Affari regionali sui motivi dell’impugnativa.

Per decidere in merito alle azioni da intraprendere e all’eventuale costituzione in giudizio, pertanto, occorre attendere la notifica del ricorso da parte dell’Avvocatura dello Stato, in modo da avere piena conoscenza dello sviluppo delle argomentazioni che il Consiglio dei Ministri ha ritenuto come motivi dell’impugnativa e da effettuare le relative valutazioni tecnico – giuridiche.

E ciò, anche tenendo conto che la Corte Costituzionale si è già espressa sulla materia con la recente sentenza 61 del 2009 relativa proprio alla legge regionale 31 del 2007 rilevando che – cito testualmente:

“La Regione Valle d’Aosta difetta tanto di una competenza statutaria generale in materia di tutela dell’ambiente quanto di un titolo statutario specifico in materia di rifiuti”.

Si può tradurre: aspettiamo fino all’ultimo secondo possibile per dare una risposta?

Ed inoltre, quella sentenza della corte è quella su cui si sono basati i ricorsi, chi li ha vinti?

50.000 valdostani non bastano?

Pubblicato in post

Comunicato Stampa

COMUNICATO STAMPA

UN DOCUMENTO PER I CANDIDATI VALDOSTANI ALLE ELEZIONI POLITICHE NAZIONALI

Si tratta di una serie di istanze sui temi che costituiscono l’impegno di Valle Virtuosa, che i singoli candidati potranno sottoscrivere, impegnandosi a farle proprie presso il Parlamento nazionale

AOSTA, 10 gennaio 2013 – In vista dell’imminente campagna elettorale per le elezioni politiche del 24 febbraio prossimo, Valle Virtuosa sta predisponendo un documento che sarà sottoposto a tutti i candidati valdostani. Si tratta di una serie di istanze sui temi che costituiscono l’impegno dell’associazione, che i singoli candidati potranno sottoscrivere, impegnandosi a farle proprie presso il Parlamento nazionale.

Il documento sarà reso pubblico e presentato in concomitanza con l’inizio della campagna elettorale.

contatti: vallevirtuosa@gmail.com

Pubblicato in post

Seduta della Commissione Speciale: diretta

Oggi, martedì 8 gennaio, ore 11, riunione della Commissione speciale per la rideterminazione degli indirizzi programmatici del sistema di gestione dei rifiuti, presieduta dal Consigliere Alberto Bertin, per audire il responsabile dell’area giuridica della società cooperativa E.r.i.c.a., Umberto Gianolio, e il coordinatore del dipartimento legislativo e legale, Stefania Fanizzi.

 

Pubblicato in post

Un pò di chiarezza 3

I seguenti 3 articoli sono tratti da La Stampa.

Il primo della nostra Anna Gamerro riassume quello che abbiamo sempre detto e portato avanti, possiamo e dobbiamo diventare un modello, fuori dalle colonne d’Ercole di Pont Saint Martin se ne sono accorti in tanti, diamoci una sveglia anche noi!

Rifiuti, la Valle deve diventare un modello

ANNA GAMERRO AOSTA
La Stampa 21.12.12
 La vittoria del referendum è stata una tappa fondamentale verso l’obiettivo di creare un sistema d’eccellenza per la gestione dei rifiuti. Fermato il pirogassificatore, si apre una fase nuova. Bisogna  operare con determinazione per costruire un sistema di gestione efficiente, basato sulla massimizzazione della raccolta differenziata e sui trattamenti a freddo, nonché su un annesso circuito di economia sostenibile che potrebbe essere molto importante, soprattutto in questo momento di crisi. Una casa si costruisce bene su fondamenta solide e con una buona progettazione. Questa fase è cruciale. Per questo, noi cittadini dobbiamo continuare ad impegnarci sulla questione rifiuti e sollecitare gli amministratori a concretizzare, con chiara volontà politica, i nuovi indirizzi di gestione. E a farlo in fretta, senza lentezze burocratiche, pensando solo ai contenuti e all’interesse collettivo, nonostante, ahimè, le logiche politiche e l’avvicinarsi di scadenze elettorali possano mettere un freno all’assunzione tempestiva delle migliori pratiche. La questione è talmente sostanziale per la comunità valdostana, che non può che coinvolgere in maniera collaborativa tutta la società civile: dai cittadini, alle categorie professionali (agricoltori/allevatori in primis; ma anche albergatori/ristoratori ecc.), alle associazioni, fino alle competenze dell’Università, insieme agli amministratori regionali e locali. Per non parlare degli operatori del settore rifiuti, dei tanti lavoratori che vanno coinvolti, perché sono loro che devono garantire il funzionamento del sistema. Ognuno a vario titolo deve sentirsi partecipe: stiamo costruendo il futuro della Valle! Per progettare e realizzare il nuovo ci vuole passione e motivazione. E soprattutto, per raggiungerlo, bisogna credere all’obiettivo cui si tende. L’atteggiamento politico di negare l’esistenza del «Piano B» è negativo e sbagliato, così come rivangare in modo miope posizioni superate. Occorre, come in qualsiasi operazione di start up di una nuova e vincente impresa, voler aprire gli occhi sui buoni modelli. Osservare comuni quali Capannori o Treviso, per copiare i migliori sistemi, adattandoli al contesto locale. Come affermato da Franco Bonesso, presidente del miglior consorzio rifiuti italiano di Treviso, il loro sistema funziona grazie all’omogeneità dei criteri organizzativi, nonché a soluzioni impiantistiche a freddo. I 49 comuni appartenenti ai consorzi Priula e Tvtre, sono integrati in un sistema omogeneo, semplificato da un unico Regolamento sulla tariffa e sui servizi. La stessa cosa deve essere fatta in Valle: per evitare sprechi di risorse finanziarie e mal funzionamenti, la Regione deve fornire indirizzi di coordinamento e soluzioni progettuali di sistema che permettano ad ogni «subATO» (cioè alle Comunità montane più il Comune di Aosta), di organizzare al meglio le raccolte e di compiere i giusti investimenti. In mancanza di tali indirizzi, gli ambiti locali non avranno un quadro chiaro per compiere le scelte corrette. Gli slogan della comunicazione ambientale sui rifiuti sottolineano sempre la responsabilità del cittadino, che deve imparare a differenziare meglio. Sacrosanto, certo. Ma la prima responsabilità è degli amministratori/nostri rappresentanti politici. Se gli si fornisce un sistema efficiente, il cittadino diventa per forza virtuoso e fa bene la differenziata. Ad esempio organizzando una raccolta porta a porta, con prelievo presso ogni domicilio anche della frazione umida e istituendo una tariffazione puntuale (con rilevazione elettronica di ogni utenza domestica), che incentiva economicamente a produrre meno indifferenziato, nonché prevedendo controlli e sanzioni. Se si struttura bene il sistema, il sistema funziona. La responsabilità è degli amministratori: speriamo non ci deludano, ma che sappiano cogliere, con passione, la possibilità di miglioramento insita nei momenti di cambiamento. La Valle d’Aosta deve diventare un modello d’eccellenza e sostenibilità per la gestione dei rifiuti/risorse, con ricadute positive sull’immagine turistica, sull’economia e sull’identità della comunità, orgogliosa di aspirare al meglio.
 
Il secondo, del nostro Sandro Bortot riassume bene quanti movimenti, associazioni, persone si sono mosse per vincere il referendum. I ringraziamenti sono stati fatti ma una volta di più è meglio!

Un ringraziamento per il referendum

SANDRO BORTOT NUS   La Stampa 4.1.13
Sono una delle tante persone che con il comitato Valle virtuosa (poi trasformato in associazione) ha raccolto le 11 mila firme per la petizione popolare contro l’inceneritore, poi le settemila necessarie per indire il referendum e infine ha sostenuto la vittoriosa campagna referendaria con il «Comitato promotore del sì». Visto che mi pare nessuno l’abbia ancora fatto, ho pensato di doverlo fare io: dare un giusto riconoscimento e ringraziare pubblicamente, oltre che le persone che si sono recate a votare, anche tutte le organizzazioni, associazioni, comitati e forze politiche che oltre a Valle virtuosa, che ha avuto il merito di promuovere il referendum, si sono poi schierate e messe in gioco per vincerlo. Inizio dalla Cgil regionale che con i suoi 12 mila iscritti è stato l’unico sindacato che si è schierato e mobilitato per far vincere il Sì; la cooperativa lo Pan Ner che con i suoi 2500 ha fatto altrettanto; L’associazione L’agrou; Libera valle Aosta. Il movimento 5 stelle che ha organizzato il comizio in piazza Chanoux di Beppe Grillo. Tutti i componenti del «Comitato promotore del si»: Alpe, Pd, Italia dei Valori, Rifondazione comunista; l’Arci, Legambiente, Gli amici di viale della Pace, l’associazione Loris Fortuna, il circolo per la Decrescita Felice di Aosta, il Gasarci, Attac, Gasaosta, Scuola di Pace, Slow Food. Un riconoscimento e un ringraziamento particolare va inoltre alla trattoria «Des amis» di Quart e all’«Espace populaire» che ci ha ospitato per decine di riunioni, iniziative di vario genere, raccolta di fondi con la massima disponibilità. Sono convinto che tutti siamo consapevoli che con l’aver impedito che nella nostra regione i rifiuti vengano bruciati, il lavoro non è finito. Bisogna fare in modo che Governo regionale e Enti locali si attivino per praticare scelte diverse dal bruciare: ridurre, differenziare, recuperare, separare da subito la frazione umida, eccetera. Questo si può fare con proposte, iniziative (vedi quella di Legambiente che organizza serate per migliorare la nostra capacità di differenziare), incontrando le categorie produttive e chiedendo loro di dotarsi di un «codice» di autoregolamentazione per ridurre i vuoti a perdere, gli imballaggi, i prodotti usa e getta, le rottamazioni eccetera. In questa direzione devono orientarsi i lavori della commissione consigliare preposta. Anche se è composta in maggioranza da consiglieri che sostenevano l’inceneritore, non è detto che, opportunamente sostenuta dalle iniziative sul territorio, già prima della fine della legislatura, non possa indicare orientamenti virtuosi e decisioni praticabili immediatamente. Il lavoro che rimane quindi non deve prevedere la smobilitazione dei soggetti schierati per la vittoria del sì, deve esserci invece consapevolezza che ognuno dei soggetti citati da solo non potrà completare l’opera: il rischio sarebbe la vanificazione del risultato referendario. Un esempio per tutti ? I tentativi governativi e non solo di svuotare il referendum per l’acqua pubblica, l’acqua bene comune, vinto l’anno scorso a giugno cercando in ogni modo di voler privatizzare il settore con la scusa di risanare le finanze degli enti locali. 
Il terzo, del sig. Giuseppe Bethaz che, come lui stesso ha detto tempo fa, ha stretti rapporti di parentela con l’assessore Zublena, bacchetta i referendari per non aver già raggiunto il 90% di raccolta differenziata. 
Come dice il nostro Paolo Fedi:
“Nelle frasi del marito dell’assessore Zublena, si comincia a delineare la vera intenzione (espressa, ma in maniera non trasparente, già durante la giornata di voto, quando era chiaro il risultato che si andava a delineare) della maggioranza regionale: non esiste piano B, faremo di tutto per vanificare il risultato delle urne, fino alla prossima legislatura (operatività rinviata quindi a settembre 2013) non faremo niente.
Anche le parole del marito ingegnere fanno finta di ignorare che chi deve governare la situazione, nel dettame della scelta dei cittadini, non è Vallevirtuosa ma la maggioranza (magari anche sua moglie, se se ne ricorda). Chi deve verificare conti, scenari, è l’apparato dell’amministrazione guidato dalle indicazioni politiche. 
Sostenere il contrario è essere in cattiva fede.
Appare evidente che la politica, oltre a essere impegnata a fare altro, in questo settore sembra più che altro interessata a ritardare e a mettere i bastoni tra le ruote, speranzosa forse di poter rimettere le mani sul gustoso appalto.
Come dicevamo tre mesi fa: NON VOTARE CHI TI DICE DI NON VOTARE “

Troppe domande sul futuro dei rifiuti

GIUSEPPE BÉTHAZ SAINT-MARCEL  LaStampa 3.1.13  

Il referendum del 18 novembre ha sancito che in Valle d’Aosta non si potranno trattare i rifiuti a caldo. E’ il responso dell’espressione democratica dei valdostani e in tale direzione si è tenuti ad andare. Ad un mese dal referendum però certi aspetti poco chiari si delineano meglio. Emerge che per alcuni il voto è stato occasione per manovre politiche che nulla avevano a che fare con i rifiuti: il caso di Laurent Viérin è probabilmente solo la punta dell’iceberg. Depurando il quadro referendario dagli usi impropri che ne sono stati fatti e concentrandosi sul contenuto essenziale, la scelta tra trattamento a caldo e trattamento a freddo dei rifiuti, non si deve dimenticare che Valle Virtuosa e il Comitato del «Sì» hanno assunto degli impegni ben precisi nei confronti del popolo valdostano: sono stati garantiti non più di 5000 tonnellate all’anno di rifiuti residui da mettere a discarica, costi del trattamento al massimo di 80 milioni di euro per 20 anni, a fronte dei 225 previsti col sistema a caldo, chiusura del ciclo in Valle d’Aosta, senza portare nulla fuori. Tutto questo è stato affermato, scritto e si può anche rivedere nel filmato predisposto da Valle Virtuosa. All’indomani del referendum, quando tracciare il percorso del trattamento dei rifiuti in Valle è diventato onore e onere di chi l’ha vinto, i toni sembrano diventati molto più cauti: dobbiamo conoscere, capire,…quali e quanti rifiuti…, la frazione residua rimane un problema… Un altro aspetto che appare contraddittorio è la raccolta porta a porta, sostenuta dai referendari come premessa indispensabile per aumentare la differenziata. Si può leggere su «La Stampa» di martedì 18 dicembre che Saint-Cristophe, Comune di cui è vice sindaco Chantal Certan che, come segretario di Alpe, è stata grande sostenitrice del «sì», va invece avanti con i progetti di raccolta stradale. «Ma metteremo le tesserine», afferma la Certan. Anche il Comune di Ayas ha scelto i molok, «niente porta a porta» perché ritiene il sistema inadatto ad una realtà turistica dove l’andamento della produzione dei rifiuti è troppo variabile nel corso dell’anno . Ma quante altre realtà turistiche ci sono in Valle d’Aosta? La Valle è una regione turistica. E se si dovesse alla fine scoprire che i numeri garantiti da valle Virtuosa sono frutto di scenari di fantasia, che i costi saranno molto più alti e ci saranno molti più residui di quanto affermato? Che valore avrebbe ancora una scelta fatta basandosi anche su premesse inattendibili e promesse irraggiungibili? Lo vedremo, spero comunque che non sia così, che chi si è assunto degli impegni lo abbia fatto responsabilmente e con la certezza di riuscire a rispettarli nell’interesse di tutta la popolazione valdostana.

Pubblicato in post